Mauro Balbi

Mi piace da sempre scrivere, ma ancor più “descrivere”, tentare di trasformare una sequenza fotografica, fatta di immagini statiche, in un filmato virtuale grazie a testi che “illustrino” anche quello che non si vede, nel passaggio da un’immagine a quella successiva o perché il punto di osservazione fisso limita la percezione e impedisce di capire a fondo come si svolge l’azione, un aspetto fondamentale nel bricolage. Poter mettere insieme la scrittura e la fotografia (altra mia passione) nell’ottica di Edibrico, quella del “fare”, è per me una grande soddisfazione, è divertente e ci sono sempre cose da imparare e da trasmettere ad altri, spesso non mi sembra neanche di lavorare… Adoro la cucina (ma solo quella italiana), la compagnia degli amici, gli scherzi; mi piace l’odore dell’erba appena tagliata e quello dell’asfalto dopo un temporale. Detesto i tuttologi convinti, gli arrivati, la punteggiatura buttata a caso, quelli che dicono “mi mandi una mail” dopo aver avuto chiarimenti per telefono, quelli che ignorano l’esistenza dei congiuntivi.
Mauro Balbi, redattore tecnico